Ultim'ora
Economia
Economia Quanto vale il patrimonio immobiliare dello Stato?

Quanto vale il patrimonio immobiliare dello Stato?

(Adnkronos) - Circa 43 tra edifici, palazzi e terreni per un valore complessivo di oltre 62 miliardi di euro: questi, in sintesi i numeri che definiscono il patrimonio immobiliare dello Stato. Un patrimonio davvero eterogeneo che comprende fabbricati, grandi complessi edilizi, infrastrutture, siti archeologici, aree urbane ed agricole, gestito dall’Agenzia del Demanio. Proprio per il fatto di essere un patrimonio ampio e diversificato, il Demanio è impegnato in un piano specifico per la gestione di tutti questi immobili, anche in ottica di riduzione dell’impatto ambientale ed efficientamento energetico degli stessi.

A livello di tipologia di immobili, quelli ad uso governativo ovvero i palazzi pubblici rappresentano la maggioranza del patrimonio immobiliare dello Stato, in valore circa l’86% del totale. La seconda parte più cospicua degli immobili statali è costituita dai beni immobili disponibili ma non più in uso quali ex cittadelle militari, penitenziari dismessi, che per ovvie ragioni non sono adatti ad ospitare uffici pubblici e per questo sono tra quelli oggetto del Piano Strategico Industriale dell’Agenzia del Demanio per renderli idonei al riuso. Esiste poi una parte del patrimonio immobiliare dello Stato costituita da immobili storici non in uso utilizzati sono per determinate categorie di soggetti e solo a certe condizioni. Infine, esiste una parte di patrimonio del tutto indisponibile quali miniere, beni confiscati e immobili in uso gratuito. Dunque, si tratta di un enorme patrimonio la cui gestione e gli interventi di recupero, necessitano di ingenti somme di denaro. Un ambito in cui le istituzioni si stanno muovendo, considerando ad esempio che a luglio 2023, rispetto a tutto il 2022 il numero degli interventi sugli edifici pubblici è aumentato del 23% e il valore degli investimenti è cresciuto dell’84%. I recenti interventi rientrano in un progetto complessivo di rigenerazione del territorio e di connessione tra istituzioni e cittadini, anche attraverso sviluppo di autonomia energetica e miglioramento del contesto di riferimento. Per sostenere questa linea di azione, l’Agenzia del Demanio ha, tra l’altro, creato l’Officina per la rigenerazione dell’immobile pubblico che ha il compito principale di creare una rete tra istituzioni e soggetti esterni.

News settimanali

Leggi anche

Economia Come sta andando il comparto del legno?