Ultim'ora
Spettacolo
Spettacolo Orietta Berti: ''Con Fiorello su 'Una vespa in 2' e torna il buonumore''

Orietta Berti: ''Con Fiorello su 'Una vespa in 2' e torna il buonumore''

Roma, 20 mag. (Adnkronos) - La 'strana coppia' Orietta Berti e Rosario Fiorello in sella a 'Una vespa in 2' ''e torna il buonumore''. Parola dell'Orietta nazionale che all'Adnkronos si dice entusiasta del suo nuovo progetto, nato per caso da un'idea dello showman e del suo manager Pasquale Mammaro, che ha prodotto il brano con Orietta e Fiorello. "Lo scorso anno io e Fabio Rovazzi abbiamo presentato da lui a 'Viva Rai2!' 'La discoteca italiana' - racconta la cantante - e a settembre 2023 è nata l'idea di questo jingle per il programma. Quando poi sono andata a Sanremo Fiorello mi ha detto che avevano pensato di farne una canzone così mi hanno mandato il testo del brano che dovevo cantare, l'ho registrato ed è piaciuto tantissimo''. 'Una vespa in 2', destinato a diventare il nuovo tormentone dell'estate 2024 è una canzone spensierata, ''un viaggio nel tempo che va dalla Fontana di Trevi di Anita Ekberg e Marcello Mastroianni, al Far West", spiega la cantante. "Grazie alle nuove tecnologie e video di animazione saliamo anche su un'astronave verso il futuro''. Ma qualunque sia la direzione, la canzone ricorda che ''basta un fiore, per far ripartire il buonumore''.

Per Orietta questo è il quarto tormentone estivo dopo il successo strepitoso con personaggi come Fedez e Achille Lauro ('Mille'), 'Luna piena' (Manuelito/Hell Raton) e Rovazzi ('La discoteca italiana'). Berti dimostra così di essere sempre al passo con i tempi: "Bisogna sapere ascoltare quello che dicono i giovani - dice - c'è sempre da imparare nel nostro lavoro. Quando durante i miei concerti vedo le piazze piene di giovani che cantano le mie canzoni, sia vecchie che nuove, mi suscita sempre un'enorme emozione. Vedere bambini di 7 o 8 anni chiedermi di cantare canzoni degli anni '70 o '80 mi fa molta tenerezza. Qualche giorno fa - racconta la Berti - mi sono fermata in autostrada e un gruppo di ragazzi ha iniziato a cantarmi 'A me basta un fiore. E torna il buonumore' e mi ha fatto molto piacere. Trovo che sia una frase molto orecchiabile e anche il testo molto positivo: Fiorello mi dice 'ti posso dare tutto' e io rispondo ''a me basta un fiore',' quindi è una frase che ricorda l'importanza delle piccole cose che poi sono quelle che danno le gioie più grandi''.

Su quale sia la sua ricetta per il buonumore Orietta svela: ''Ho sempre avuto un carattere molto positivo, forse per questo sono sempre di buonumore. Vedo il bello in ogni cosa, quando uno vive bene, ha una famiglia felice, unita e che si rispetti, tutte le brutte cose sono meno pesanti perché si risolvono insieme''. La cantante è sposata con Osvaldo Peterlini da ben 57 anni e ha due figli, Omar e Otis: "I nostri nomi iniziano tutti con la 'o' - spiega - mia suocera si chiamava Odille, la mia mamma Olga, lo zio Oliviero e allora abbiamo continuato. Otis l'ho chiamato così in onore di Otis Redding perché tanti anni fa ebbi un incidente in autostrada e miracolosamente ne sono uscita illesa. In quel momento stavamo ascoltando la canzone di Otis Redding e ho pensato che lui mi avesse portato fortuna e così ho detto: 'Quando avrò un secondo figlio lo chiamerò Otis'. Il mio primogenito invece l'ho chiamato Omar in onore a Omar Sharif che conobbi al Lido di Venezia a un torneo di bridge''.

''Ricordo che offrì a me e mio marito dello champagne, parlava molto bene italiano e fui colpita dalla sua gentilezza. Anche con le mie nipotine mia nuora ha voluto continuare con la tradizione - scherza la Berti - la mia prima nipotina di 5 anni infatti si chiama Olivia e la seconda di due anni Ottavia''. Secondo Orietta il nuovo tormentone estivo sta riscuotendo un enorme successo perché ''i ritornelli sono sempre accattivanti, la melodia è più semplice del rap forse è per questo che piace. Oggi c'è solo rap e poca melodia - sottolinea - non dobbiamo dimenticare che il bel canto, è la radice della musica italiana. Bisognerebbe fare anche canzoni di questo genere. C'è bisogno anche di veri cantautori che abbiano il senso della melodia e che raccontino una storia in musica, bisogna tornare al bel canto'', ribadisce.

Tornando al video di 'Una vespa in 2' la Berti tiene a precisare: "Ce ne sono due versioni, una classica e una cartone animato. Oltre a quella grafica io e Fiorello ne abbiamo girata una anche normale in un'ora e mezzo. Fiorello era impegnato a 'Viva Rai2' così ci siamo cambiati d'abito e abbiamo fatto questo video, c'hanno messo due giorni a montarlo ed è veramente bellissimo. Fiorello è il numero uno in assoluto - sottolinea - sa fare tutto, sa presentare, improvvisare, ballare e cantare. E' talmente simpatico che sa mettere tutte le persone a proprio agio anche in diretta. Vuole fare il bullotto romano ma in realtà è una persona raffinata e gentile''. Quale è il segreto della sua eterna giovinezza? "Amo molto il mio lavoro, mi piace stare a contatto con la gente, lavorerò finché potrò, finché avrò la testa e la voce''.

Hai visto l'Eurovision? "Sì - risponde Orietta- era tutto basato sullo spettacolo, confondendo la modernità con l'eccesso. Non è di mio gusto, sono sincera, questo modo di fare spettacolo che secondo me lo impoverisce. Tra le tante, la cantante israeliana era elegantissima oltre che molto brava, nonostante le polemiche". Questa sera, intanto, Orietta vestirà i panni di giurata a 'Io Canto Family', la versione del talent show di Canale 5 per le famiglie che arriva dopo il successo di 'Io Canto Generation', insieme ad Al Bano, Claudio Amendola a cui si unirà la new entry Fabio Rovazzi. Al timone del programma ci sarà Michelle Hunziker: "E' stato molto emozionante vedere i genitori cantare con i propri figli, alcuni di noi si sono persino commossi'', conclude.

(di Alisa Toaff)

News settimanali

Leggi anche

Spettacolo Sergio Caputo, il brano 'Caffè' è remix