Ultim'ora
Sport
Sport As Roma, Follieri: "L'interesse per l'acquisto del club è vivo, disposti ad alzare offerta"

As Roma, Follieri: "L'interesse per l'acquisto del club è vivo, disposti ad alzare offerta"

Roma, 15 nov. (Adnkronos) - "Se il mio interesse per la Roma è ancora vivo? Sicuramente sì. Non ho ripetuto una nuova offerta, è sempre quella che avevamo presentato ai Friedkin, di 840 milioni, ad agosto, e siamo in attesa di capire la loro volontà". Raffaello Follieri esce allo scoperto e parla apertamente, in una intervista all’Adnkronos, della ferma volontà di acquisire l’As Roma dai Friedkin.

L'offerta è sul tavolo, a prescindere dalla questione stadio. Follieri, imprenditore di importanza internazionale nel settore dei metalli rari con la sua azienda ‘Pasele Sa’ con sede a Ginevra e Londra, è appassionato di calcio e tifoso della Roma pur essendo originario di San Giovanni Rotondo e ha in mente un progetto serio per la squadra e la città. "Il nostro interesse è rimasto vivo e ci piacerebbe andare a chiudere l’operazione, se riusciamo, ma stiamo aspettando che l’altra parte ci faccia sapere qualcosa, visto anche che negli ultimi giorni sono usciti molti articoli sulla questione relativa allo stadio. Noi restiamo interessati ad acquistare il club, ma poi deve essere l’altra parte a voler vendere. Al momento mi sembra che si attenda di capire la questione stadio come evolve", dice.

“Se noi siamo interessati al progetto stadio? E’ una cosa che lasceremmo da parte per ora. Noi siamo interessati alla squadra, poi la questione stadio è naturalmente un’opportunità, ma non si può basare tutta la gestione della società sul fatto se lo stadio verrà approvato o meno”, ha sottolineato l’imprenditore pugliese che è pronto anche a limare l’offerta iniziale per l’acquisto del club giallorosso. “Confermo che siamo disponibili a salire leggermente (sembra si possa arrivare a 890/900 milioni di euro) rispetto all’offerta iniziale pur di chiudere l’operazione velocemente perché queste operazioni vanno chiuse a breve termine. Siamo più per concretizzare che per parlare”.

Follieri ha incontrato i Friedkin e attende le loro decisioni. “Io ho incontrato i Friedkin due volte verso aprile e maggio a Londra. Ma poi abbiamo un fiduciario in comune che parla settimanalmente sia con me che con loro, c’è quindi un canale aperto”. Follieri ha poi spiegato quale è il suo core business e come ci entrerebbe la Roma. “Noi siamo focalizzati sui metalli rari. E’ questo il nostro lavoro giornaliero. Compriamo e vendiamo metalli rari. La base seria nostra è quella, il nostro business, un trading a livello governativo. Se non ci fosse questo lavoro non si potrebbe pensare ad una operazione da un miliardo di euro. Al momento non siamo presenti in Italia, ma vendiamo principalmente nei Paesi mediorientali e asiatici dove siamo già da molto tempo, ed ora stiamo aprendo a breve il mercato Nordamericano e quello Europeo, per cui anche questa operazione è in relazione al fatto che a noi interessa aprire l’Europa come mercato e la Roma potrebbe anche essere un veicolo per questo".

"Perché investire nel calcio e nella Roma? Secondo me c’è una grande opportunità dal punto di vista del brand. Secondo l’analisi che abbiamo fatto, non è stato sfruttato il brand 'Roma' come città nel mondo, per cui noi puntiamo molto sul fatto di portare Roma a livello internazionale come brand”, ha spiegato Follieri che ha chiaro in mente il suo progetto di squadra e società. “Ci sono esempi di successo anche in Italia dove si può basare il progetto comprando calciatori conosciuti, ma anche facendo un’Academy e un settore giovanile robusto. A Roma i giocatori migliori, come Totti e De Rossi, sono arrivati da lì e quindi bisogna puntare molto sul settore giovanile e cercare di far crescere i giovani per poi portarli in prima squadra. Io vedo una Roma molto italiana nel mio progetto. Ovviamente per far crescere i ragazzi ci vuole tempo e nel frattempo bisogna comprare, perché prendere dei campioni in prestito, dal punto di vista finanziario, non è un’ottima soluzione, a mio parere. Bisogna cercare di comprare questi giocatori altrimenti il valore patrimoniale non esiste”.

Anche dal punto di vista tecnico l’imprenditore italiano ha le idee chiare. “Mourinho? A me piace molto. Ci sono due allenatori che mi piacciono e sono lui e Antonio Conte, come tipo di calcio. Un ritorno di Totti alla Roma? Lo vedrei in modo assolutamente positivo, è un grande asset che la Roma non sta sfruttando. Io viaggio molto in Medioriente e Asia e tutti quando si parla di Roma, la prima parola che mi dicono è ‘Totti’. E’ molto conosciuto”. L’Arabia Saudita sta investendo molto nel calcio e delle partnership in quel Paese sarebbe molto importanti. “Io sono residente in Arabia Saudita. Risiedo qui ed ho rapporti giornalieri. Vado a vedere le partite e sta diventando un campionato di livello europeo. Accordi con club sauditi? E’ un po’ il progetto relativo al branding internazionale che abbiamo, e prevediamo anche di coinvolgere altri team in altri Paesi e fare accordi con loro”, spiega Follieri.

“Acquistare un altro club italiano se non andasse in porto quello della Roma? Al momento sono concentrato su questo progetto della Roma, tra l’altro sono tifoso e non vedo altre opzioni”. L’imprenditore aveva già provato ad acquisire dei club italiani senza successo ma non per mancata volontà. “Le tentate acquisizioni di Foggia e Palermo? Voglio chiarire le questioni Foggia e Palermo. Non è che non si è voluto fare l’operazione ma lì il motivo era legato a quello che abbiamo trovato nei bilanci delle società, comprovato da quello che è avvenuto dopo. Avevamo trovato dei bilanci disastrosi e se ne sono avvantaggiati personaggi locali, ma non perché il progetto fosse migliore ma perché più vicini alle amministrazioni di quel momento. Io sono pugliese ma sono 20 anni che sono fuori dall’Italia, e gli imprenditori locali quando arriva qualcuno con dei capitali da fuori, si sentono un po’ minacciati”, ha proseguito Follieri che non si è dato un tempo di attesa per la Roma. “Io sono sul pezzo, non sono ovviamente operazioni semplici, ma io sono pronto nel rispetto degli altri. Io sono qui nel caso in cui decidano di vendere, ma nessuno costringe nessuno a fare niente. La mia è più una cosa da tifoso”, conclude Follieri.

News settimanali

Mille miglia, oggi l'ultima tappa

Adnkronos 16 Giugno 2024 | 00:04
Leggi articolo >

Leggi anche

Sport Mille miglia, oggi l'ultima tappa
Sport Italia, Frattesi recuperato

Italia, Frattesi recuperato

Adnkronos 12 Giugno 2024 | 19:56
Leggi articolo >