Ultim'ora
Tecnologia
Tecnologia Nuove opzioni di personalizzazione in Pokémon GO

Nuove opzioni di personalizzazione in Pokémon GO

(Tecnologia) - Niantic, software house creatrice di tecnologie AR e soprattutto creatrice di Pokémon GO continua a portare innovazioni al gioco, offrendo agli allenatori e alle allenatrici di tutto il mondo nuove emozionanti modalità per esprimere la propria personalità e interagire con un mondo di gioco che si trasforma con le stagioni. Grazie agli ultimi aggiornamenti, i giocatori possono ora approfittare di una serie di opzioni di personalizzazione degli avatar e di miglioramenti grafici che rendono l'esperienza di gioco ancora più immersiva e coinvolgente.

Nella nuova sezione Aspetto della Style Shop, gli utenti possono personalizzare il proprio avatar. Sarà infatti possibile regolare peso corporeo, muscolatura, spalle, torace e fianchi, oltre a scegliere tra una vasta gamma di colori per pelle, capelli e occhi. Anche le acconciature ricevono un'attenzione speciale, con opzioni filtrabili per lunghezza: corti, medi o lunghi, garantendo che ogni giocatore possa trovare lo stile perfetto per il proprio avatar.

Nuova Grafica e Adattabilità Ambientale

Pokémon GO ha introdotto anche una grafica rinnovata che si adatta dinamicamente alle stagioni e ai biomi in cui si trovano gli allenatori. Gli aggiornamenti visivi sono visibili sulla mappa di gioco, nelle schermate degli incontri con i Pokémon e durante le battaglie. Con l'introduzione di nuovi elementi grafici come edifici migliorati, colline e montagne, il gioco offre ora un'esperienza visiva più ricca e variegata.

Esplorazione dei Biomi

Un'altra novità è l'introduzione di diversi biomi, come foreste, spiagge, montagne e città, che influenzano l'aspetto del mondo di gioco. Questi biomi non solo arricchiscono visivamente l'esperienza di gioco ma offrono anche ai giocatori la possibilità di collaborare per scoprire e esplorare nuovi ambienti all'interno dell'universo di Pokémon GO.

News settimanali

Leggi anche

Tecnologia Pixel Tablet, il dock lo rende unico