Ultim'ora
Lifestyle
Lifestyle Le 5 migliori app per prenotare un viaggio.

Le 5 migliori app per prenotare un viaggio.

Con le vacanze invernali alle porte, ecco una selezione di app che aiutano a prenotare più facilmente voli e hotel, a stabilire il proprio itinerario e a tenere traccia delle spese

Le vacanze invernali sono l’occasione perfetta per godersi qualche giorno di relax, magari avvicinandosi all’Equatore, oppure per staccare dalla routine casa-ufficio esplorando nuove mete in un’avventura zaino in spalla. Ma, soprattutto per chi ha un budget limitato, rimane importantissimo organizzarsi con anticipo senza lasciare troppi elementi al caso, dalla prenotazione alla scelta di un itinerario stimolante e al tempo stesso adatto a mezzi e tempi che si hanno a disposizione. Non solo, viaggiare è un piacere ma occorre farlo in sicurezza: su Viaggiare sicuri, il sito della Farnesina, si trovano numerosi consigli oltre a informazioni preziose sulla propria destinazione.

Le app più utili per organizzare un viaggio

Quando si desidera partire è sempre consigliabile assicurarsi di aver organizzato al meglio il proprio viaggio. Ecco 5 app che possono aiutarci a prenotare le vacanze nel migliore dei modi.

Hopper: l’App che ti aiutare a saltare sul volo giusto

C’è chi fa girare il mappamondo ad occhi chiusi, puntando il dito sulla meta che sarà, e chi invece si informa per mesi prima di scegliere tra una località esotica e un’altra. Qualunque sia la situazione, viene in aiuto Hopper, una delle migliori App per risparmiare sui voli. Oltre a confrontare le offerte di oltre 200 compagnie aeree (e a offrire una delle migliori user-experience da mobile), Hopper monitora i prezzi dei voli 24 ore su 24, avvisando quando è il momento migliore per prenotare.

Esplorare luoghi inaspettati con Atlas obscura

Un esempio virtuoso di connubio tra mondo digitale e fisico, Atlas obscura è un sito, un’App, una serie di libri e anche una vera e propria comunità. Atlas obscura rappresenta l’ecosistema perfetto per chi vuole tracciare un itinerario di viaggio ricco di sorprese, esplorando sentieri poco battuti alla scoperta di luoghi sorprendenti e inaspettati. Il tutto grazie all’aiuto di una vera e propria community globale di esploratori.

Culture Trip: l’App per esploratori che amano la comodità

Con Culture Trip si può lasciare a casa la guida turistica e lasciarsi ispirare da itinerari di viaggio per tutti i gusti, suggeriti sia da travel-blogger sia da locals. Oltre a disegnare l’itinerario ideale, è possibile pianificare al meglio il proprio viaggio, selezionando mete ed esperienze a cui non si vuole rinunciare e aggiungendone in corsa. Non solo, Culture Trip permette di individuare e prenotare facilmente le migliori soluzioni per la notte, per chi non vuole rinunciare alla comodità.

Hotel Tonight: per prenotare dove porta la notte

C’è chi si agita se non prenota in anticipo il pernotto per ogni tappa del proprio viaggio e chi, al contrario, non sopporta di avere le mani legate e non vuole rinunciare all’avventura. Per questa seconda categoria di viaggiatori viene in aiuto Hotel Tonight: zero stress e la possibilità di trovare le migliori offerte last minute, dagli hotel di lusso alle soluzioni più economiche. Per lasciare che sia la notte a decidere la propria meta.

Viaggiare con gli amici (senza liti): Splitwise

Un’App che aiuta a evitare quelle chat spiacevoli, a vacanza finita, in cui si è costretti a chiedere: “Non è che mi ridaresti quei 45 euro del traghetto?”. Splitwise è l’App perfetta per regolare i conti al centesimo, senza sorprese. Ogni membro del gruppo di esploratori può aggiungere velocemente una spesa, sostenuta personalmente o da qualcun altro, e l’App ne terrà traccia, calcolando automaticamente quanto ciascuno deve e a chi. E addio litigi.

Leggi anche

Lifestyle I Preraffaelliti sbarcano a Forlì
Lifestyle Picasso sbarca a Milano

Picasso sbarca a Milano

Adnkronos 21 Febbraio 2024 | 16:26
Leggi articolo >
Lifestyle A Milano una mostra dedicata a Schifano
Lifestyle Una bibita per sconfiggere il cancro?
Lifestyle La tecnologia al servizio delle lingue locali