Ultim'ora
Economia
Economia Vetrocemento: utilizzi, vantaggi e come installarlo

Vetrocemento: utilizzi, vantaggi e come installarlo

(Adnkronos) - Tra i materiali da costruzione, il vetrocemento è particolarmente richiesto per le sue doti di versatilità e ricercatezza estetica. Una delle sue caratteristiche peculiari è infatti quella di garantire privacy, ma al tempo stesso di permettere alla luce di passare, contribuendo a ricreare ambienti interni ricercati e luminosi. A livello di composizione, il vetrocemento viene realizzato da due strati esterni di cemento ed uno interno di vetro, una soluzione che garantisce ottime doti di resistenza meccanica e di trasmissione della luce.

Ripercorrendo la storia di questo materiale, inizialmente, verso gli inizi del secolo scorso, era principalmente utilizzato per edifici industriali, grazie alle sue doti di resistenza e trasparenza per permettere una maggiore illuminazione da luce naturale a impianti e magazzini. Successivamente, viene ripensato attraverso diverse finiture e colorazioni del vetro per essere impiegato in altre soluzioni, quali ad esempio la realizzazione di pareti divisorie interne in immobili residenziali e commerciali. Le caratteristiche del vetrocemento però consentono di utilizzarlo non solo per pareti ma anche per pavimentazioni interne di grande impatto estetico che, oltretutto, permettono alla luce di passare da un piano all’altro della struttura. Ma non solo. La natura traslucida del vetrocemento lo rende particolarmente adatto anche come elemento decorativo per completare pannelli, elementi di separazione degli spazi ed anche oggetti di design. Inoltre, grazie alle sue doti meccaniche ed estetiche, è utilizzabile praticamente in ogni ambiente: dai corridoi al living, dalla cucina alla sala da bagno, contribuendo a donare un tocco contemporaneo e ricercato. Di recente, le nuove tecnologie hanno cominciato a sfruttare il vetrocemento in combinazione con pannelli fotovoltaici, integrando celle fotovoltaiche nel vetro del materiale in modo da sfruttarlo anche come elemento di arredo esterno e urbano in grado di contribuire alla produzione di energia da fonti rinnovabili.

A seconda della tipologia del vetro e delle finiture, il vetrocemento è disponibile in un’ampia varietà di modelli: trasparente, satinato anche solo da un lato, con superficie liscia o ad effetto ondulato, con fughe di cemento più o meno alte. Senza contare le differenti dimensioni dei blocchi e le numerose possibilità di colori e tonalità. Per quanto riguarda l’installazione, il vetrocemento necessita di alcune fasi. La prima riguarda la valutazione dell’area di installazione che prevede pianificazioni e misurazioni precise della superficie dove andrà installato. Successivamente l’area prescelta e ben delimitata va preparata adeguatamente mediante pulizia, verifica della planarità e di assenza di imperfezioni, oltre alla preparazione di strutture di supporto ove previste, come nel caso delle pareti divisorie. Quindi viene installato un telaio adeguatamente resistente che a seconda delle diverse necessità e situazioni può essere realizzato in metallo, legno o altro materiale. La fase successiva prevede l’applicazione di un sigillante lungo il perimetro dell’area per garantire tenuta ermetica. Infine, i singoli blocchi di vetrocemento devono essere inseriti nel telaio in modo uniforme e poi sigillati nei giunti tra i blocchi.

News settimanali

Leggi anche

Economia Come sta andando il comparto del legno?