Ultim'ora
Economia
Economia In crescita le iscrizioni agli istituti tecnici

In crescita le iscrizioni agli istituti tecnici

(Adnkronos) - Le iscrizioni per l’anno scolastico 2024-2025 che online si sono chiuse il 10 febbraio hanno registrato numeri interessanti specie per i giovani che hanno scelto gli istituti tecnici. Se infatti i licei restano, nonostante una flessione rispetto all’anno passato, le scuole superiori preferite da studentesse e studenti d’Italia con il 55,63% delle domande di iscrizione inviate mediante piattaforma web Unica, parallelamente cresce il numero di coloro che scelgono istituti tecnici e professionali. Il 31,66% si è infatti iscritto ad un istituto tecnico con un leggero incremento rispetto all’anno scolastico precedente quando la percentuale era del 30,9%, mentre il 12,72% ha scelto un istituto professionale, anche in questo caso in lieve aumento rispetto al 12,1% dello scorso anno. Da segnalare, inoltre, le due novità che partono proprio nel prossimo anno scolastico, ovvero il percorso della filiera tecnico professionale noto anche come “4+2” che ha registrato 1.669 iscritti e i nuovi licei del Made in Italy che hanno registrato 375 iscrizioni. A livello di singolo indirizzo, tra gli istituti tecnici spiccano le scelte per l’indirizzo economico specie quello del turismo, mentre per i professionali guidano la graduatoria delle preferenze dei giovani, enogastronomia ed ospitalità alberghiera.

A commento dei dati sulle iscrizioni all’anno scolastico 2024-2025 il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha dichiarato: “La filiera 4+2 ha registrato un interesse importante da parte delle famiglie, un risultato non scontato. Dal prossimo anno scolastico gli studenti potranno contare su percorsi e programmi innovativi e una maggiore sinergia col mondo produttivo. In definitiva, è importante aver ampliato l’offerta formativa a disposizione dei giovani italiani, venendo incontro alle esigenze e alle nuove sfide del mondo del lavoro.”

News settimanali

Leggi anche

Economia Come sta andando il comparto del legno?